Tatuarsi fa male?
Poche semplici accortezze da seguire

Art World di Lara Selva

Solitamente la prima domanda che si sente fare da chi non ha ancora un tatuaggio è: quanto fa male farsi tatuare?
A questo dubbio non possiamo rispondere per certo, essendo il dolore un fattore molto personale e soggettivo.
La pelle in prima superficie è piena di Terminazioni nervose e questo insieme allo spessore della pelle determinano più o meno fastidio nel cliente. Da questo possiamo dedurre che le parti più fastidiose generalmente sono:

- Piedi
- Costato
- Interno coscia
- Interno braccio


Come potete notare queste zone corporee sono generalmente coperte o poco esposte alla luce, e questo rende la pelle più morbida e quindi anche più delicata. Sono anche punti dove le ossa sono più esposte, e quindi le vibrazioni della macchinetta possono essere più fastidiose e intense.
Ricordiamoci sempre che la pelle è l’organo più grande che abbiamo nel nostro corpo, con un’estensione di circa 2 m², e di conseguenza ricoprendo i nostri tessuti muscolari ha una grande importanza nel nostro organismo. Il consiglio è quello di rilassarsi durante la seduta, godersi il momento dell’attesa di una bellissima opera d’arte, al contrario in caso di tensione anche la pelle diventa di difficile gestione, irrigidendosi e non accogliendo al meglio l’inchiostro.

Ecco alcuni consigli per sentire meno male:


- Rilassati, magari portandoti la tua musica preferita, parlando, oppure guardando un bel film sulla nostra tv di fronte al lettino
- Non bere alcolici prima di tatuarti. E’ consigliato non assumerli entro le 24 ore dalla seduta, essendo dei vasodilatatori potrebbero aumentare la circolazione sanguina e rendere più difficile il lavoro
- Bevi molta acqua, anche nei giorni precedenti, idratati bene così da preparare la pelle al meglio
- Mangia, bene prima della seduta, ma puoi portarti anche uno spuntino da consumare durante un eventuale pausa. Rilassarsi con la stomaco che borbotta non è per niente facile, e in più aumentando gli zuccheri nel sangue aumenta anche la soglia di resistenza e concentrazione
- Indossa abiti comodi, sia per te che per il tatuatore, così da avere la zona decisa bene scoperta e quindi non dover pensare a scoprirla continuamente o stare in posizione scomode
- Evita dose massicce di caffeina o eccitati naturali di vario genere, aumentando l’attività nervosa, diminuisce la capacità della gestione del dolore


Importante capire che non si può parlare per tutti di semplice fastidio, oppure di forte dolore, è tutto molto personale.

Il consiglio è quello di scegliere la parte che più vi piace per il vostro tatuaggio, dovrà accompagnarvi per l’intera vita, e quindi vale soffrire un po’ pur di averlo per sempre nel punto che più lo rappresenta.

Quindi niente paura e largo alla fantasia!

Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@laraselva.it